L’evoluzione sociale di Google: ovvero cos’è Google Plus

Nessun Commento

Quando l’uomo viene messo di fronte a qualcosa di nuovo e sconosciuto il suo animo è guidato da due istinti contrastanti: “Uccidiamolo!” e “Scopriamo cos’è”.

A volte si sceglie una delle due soluzioni altre prima l’una poi l’altra, quello che voglio fare qui è posare fiaccola e forcone, dando credito al lato curioso di noi tutti, e scoprire: Cos’è Google Plus?

Non è facile lasciare l’istinto distruttivo di fronte ad un nuovo social che apparentemente si mette subito in competizione con altre piattaforme ben consolidate verso cui abbiamo sviluppato empatia e che abbiamo imparato a conoscere nella loro evoluzione facendole diventare parti integranti delle nostre attività.

Viene spontaneo chiedersi: “perché utilizzare Google+ se ho già facebook o twitter, cosa mi offre di più?” .

A parte che a suo tempo accogliemmo facebook nonostante la domanda “a che mi serve facebook quando ho già Myspace?”; non dovremmo concentrarci sul “cosa mi offre di più?” ma “cosa mi offre di diverso?”.

Google+ infatti presenta caratteristiche uniche rispetto alle altre piattaforme sociali fin’ora presenti, esso è l’evoluzione sociale di Google.

I vantaggi dell’unire un motore di ricerca ad un social network sono palesi, basta prendendere un po’ di numeri in mano: la gente cerca informazioni e forma il suo brand per il 32% sui social network, per il 54% sui motori di ricerca, risulta evidente come Google+ offra una visibilità enorme riunendo le due cose.

Ma cosa significa nel concreto l’unione di questi due aspetti?

Già dal dicembre 2013 Google ha cominciato, un po’ in sordina, a integrare sulle pagine dei risultati i post condivisi su Google+, questo ha un effetto enorme per una ricerca più mirata perché vuol dire che i post, le cerchie seguite, tutte le connessioni sociali telematiche che si hanno, influenzano i risultati di ricerca delle informazioni ottenute.

Questo vantaggio per l’utente privato si moltiplica per un’azienda che vede la sua pubblicità entrare in modo capillare ai clienti che più possono apprezzare il prodotto.

L’aspetto social produce un aumento del ctr (click-through rate, la percentuale di clic, il numero di volte che effettivamente un annuncio viene cliccato) rendendo più efficace una campagna pubblicitaria ad esempio.

La sincronia col motore di ricerca introduce ed esemplifica al meglio l’aspetto più caratteristico di Google+; ossia la fusione e la connessione con tutte le funzionalità di Google; è la Social Spine che attiva e rafforza l’intero ecosistema di Google creando una struttura interattiva unitaria.

Tra le tante funzioni integrate si può parlare di Gmail che probabilmente verrà fagocitata dallo stesso Google+; facendo più o meno le stesse funzioni, ossia mettendo in contantatto gli utenti, di Google+ Local che ha preso il posto di Google Places e rinnova Google Maps fornendo eventuali commenti degli appartenenti alle proprie cerchie e post sui luoghi che cercati. Questa cosa ha un evidente vantaggio per le aziende che si vedono così contestualizzate nel territorio, avvicinando il servizio al cliente.Uno smartphone promuove al meglio queste potenzialità, se si pensa all’immediatezza tra il recepire l’informazione e il contattare fisicamente il servizio cercato (non per nulla Googe+ è preinstallato in quasi ogni sistema Android).

Ma si può parlare anche di YouTube che ha integrato Google+ al sistema di commenti, associando ogni commento ad un account,la modalità Hangout di videochiamata e molto ancora.

Insomma Google+ è il cemento che unisce tutte le strutture di una casa ben fatta, la sua unica pecca è di essere talmente fuso con Google da essere usato inconsapevolmente, come quando si scrive un commento su YouTube o si usa Gmail, a Google+ manca l’empatia che si è venuta a creare con altri social.

Ma la consapevolezza viene col tempo e un prodotto ben pensato merita sicuramente di sopravvivere nel panorama dei social network e anzi, merita di potersi conquistare quella fetta d’affetto che realtà come twitter e facebook si sono già conquistate.

 

Web Specialist e Business Developer Laureato nel 2003 al primo corso di Laurea sull’Information Technology in Italia, seguo, vivo e lavoro con passione nei campi del web marketing, web design e web development. Metto le mie conoscenze e le mie capacità al servizio di aziende italiane e straniere cercando di sviluppare non solo l’apparato tecnologico ma anche la rete commerciale e di marketing per aiutarle a vendere di più e con più semplicità. Nel corso della mia carriera lavorativa ho lavorato in importanti realtà come Microsoft Irlanda, Tim, Alfio Bardolla Training Company in qualità di designer o sviluppatore web e marketer. Sono anche il fondatore di Ecletticamente, un network di autori e coach in ambito crescita personale, seduzione, miglioramento, relazioni.. che ha come obiettivo la promozione dei suoi autori e la fornitura di contenuti di qualità per i suoi utenti.