Con una settimana di ritardo ecco le mie impressioni sullo SMAU 2011 tenutosi a Milano.

Potenzialmente sono rimasto molto soddisfatto, se non altro per la qualità degli interventi a cui ho partecipato. Da “Conversating 2.011” di Alex Kornfeid a Le opportunità del “Mobile Marketing” di Andrea Boaretto fino a quello dell’amico e collega Andrea Patron di cui ho parlato la scorsa settimana.

Insomma è stata una giornata ricca di informazioni ma anche molto faticosa, ma che come ho già avuto modo di dire mi ha lasciato soddisfatto, ad eccezione della mancanza di rete wireless free. (Trovo scandaloso che un evento di tale portata e targeting non abbia incluso una rete aperta!)

Purtroppo all’evento Conversating 2.011 sono giunto con notevole ritardo, ma le domande del pubblico e le risposte di Kornfeid sono state utili.

Le sue slide sono disponibili su slideshare qui http://www.slideshare.net/kornfeind/conversating-2011-9794085, ma non dicono molto..

Più complete invece, quelle di Andrea Boaretto, del Politecnico di Milano che ha illustrato lo scenario del mobile marketing.

http://www.slideshare.net/marketingreloaded/le-opportunit-del-mobile-marketing-smau-milano-2011

Incredibile ancora non mi capacito che ci sono 13 M di italiani che navigano con lo smartphone. Mi sembra davvero tanto!

Le slide del workshop “tra privacy e sicurezza informatica”di Andrea Patron possono essere viste a questo indirizzo http://www.slideshare.net/ipcopitalia/smau-2001-tra-privacy-sicurezza-informatica.

Presto ci sarà anche un video!

 

Al seminario dei GT Study sono state viste davvero un sacco di cose.

Tuttavia gli argomenti che sembrano aver interessato maggiormente il pubblico sono stati

  • Il social search
  • la costruzione della link popularity
  • Il mobile marketing (Vi rimando alle slide pubblicate con il permesso dello staff)
  • le dichiarazioni di Matt Cutts che qui non tratterò. (Vi rimando alle slide pubblicate con il permesso dello staff)

Benchè il tentativo possa sembrare un tantino eccessivo, proverò a sintetizzare quanto è stato detto su questi argomenti da Giorgio Taverniti.

Il socialsearch

Si tratta dell’argomento che assieme al mobile marketing ha suscitato maggiormente il mio interesse.

Il dilagarsi di socialnetworks e piattaforme di puabblicazione ha reso possibile la creazione di un nuovo modello di ricerca. Il socialsearch.

Il socialsearch è una “ricerca verticale” che si esegue sui contenuti generati da un utente. Google individua quindi dei collegamenti tra gli utenti e li mappa in ciò che viene definito un social circle. Durante le nostre ricerche, i contenuti generati dagli utenti del nostro social circle vengono mostrati indipendentemente dal loro posizionamento naturale.

Ciò ovviamente permette agli utenti di utilizzare un nuovo canale di promozione dei propri contenuti.

Ci sono 2 livelli di social circle:

  • quello composto da tutti gli utenti che seguiamo (il più importante)
  • tutte le persone seguite dalle persone che seguiamo noi

Fanno parte dei social circle:

  • Tutte le persone che seguiamo nei social indicati nel Google profile
  • Le persone delle chat di Gtalk
  • I contatti di google reader

 

Il Social Circle che abbiamo appena descritto: http://www.google.com/s2/search/social

Il Social Graph che permette di mettere in relazione anche le URL:  http://code.google.com/apis/socialgraph/docs/

E altri 2 link per trovare i nostri amici

http://socialgraph-resources.googlecode.com/svn/trunk/samples/findyours.html

http://socialgraph-resources.googlecode.com/svn/trunk/samples/findcontacts.html

 

La costruzione della link popularity

Si tratta di un tema molto più conosciuto rispetto al social per cui non mi addentrerò moltissimo.

Diciamo che oltre ai temi di cui si parla molto in rete quali (i contenuti – lo scambio link e le directory – l’article marketing e i comunicati stampa – l’acquisto di link – la partecipazione a blog e forum – la creazione di blog e forum – i video – gli RSS – i Link baiting – la creazione di un piccolo network..)  ci possono essere altre metodologie di promozione quali: il comment/forum/ posting, la creazione di materiali gratuiti (ebook, plugin,giochi, temi etc)

Per molti di questi modelli di promozione è necessario produrre materiale di alta qualità…Non così semplice da farsi comunque perché le risorse in rete sono moltissime e spesso anche gratuite e di buona qualità. Conviene quindi lavorare sulle nicchie…